Convulsioni e rigidità fisica: qual è l’origine della nuova malattia che si sta diffondendo

Una malattia che paralizza provocando non solo rigidità fisica ma anche convulsioni. Perché si sta diffondendo e da cosa è causata?

Grande preoccupazione per una malattia misteriosa che ha paralizzato centinaia di ragazze. Cosa sta succedendo? Quando si parla di salute occorre sempre agire con molto tatto. Il nostro corpo comunica con noi e lancia campanelli d’allarme per indicarci che c’è qualcosa che non va. Spesso tendiamo a sottovalutare questi segnali commettendo un errore più o meno grave.

Mal di testa ricorrenti, ad esempio, possono essere legati solamente alla stanchezza così come potrebbero suggerire una grave patologia da riconoscere il prima possibile per non rischiare la vita. Insomma, se il corpo è sofferente un motivo c’è e bisogna individuarlo consultando il medico di base o specialisti.

Dobbiamo fidarci del nostro istinto ma è bene non dimenticare che a volte i problemi fisici potrebbero essere proiezioni di disagi psicologi. Forme di somatizzazione che il soggetto mette in atto senza rendersene conto. Questa nuova “malattia” che provoca convulsioni e paralisi potrebbe proprio essere collegata ad un disturbo della mente. Scopriamo di più.

Convulsioni e paralisi, cosa sta accadendo a centinaia di ragazze

In una scuola femminile a Musoli, in Kenya, più di cento studentesse hanno iniziato ad avere difficoltà nel camminare e a tremare in modo incontrollato. In pochi giorni sono stati ripresi bambini a letto con le convulsioni e altre persone hanno iniziato a riportare gli stessi sintomi.

Isteria collettiva
Quanto accaduto in Kenya a 100 ragazze è frutto d’isteria collettiva, dunque non si tratta di una malattia infettiva – lineatemporale.it

I test condotti sui campioni prelevati dalle ragazze hanno escluso un’infezione. Le Autorità Sanitarie hanno subito avviato le indagini per scoprire le cause di quella che in apparenza era una nuova pandemia. Se contagiosa sarebbe stata devastante per il Paese ma i risultati hanno svelato un’altra verità.

Non c’è alcuna malattia da combattere, nessun virus da debellare. Si è trattato di un’isteria di massa probabilmente causata dall’ansia degli esami. Il panico ha fatto il resto scatenando la presunta malattia anche fuori dalla scuola.

Le convulsioni e la paralisi, dunque, sono state conseguenze di un blocco psicologico, di una manifestazione di isteria di massa studiata da medici, antropologi e sociologi. Si tratta di una malattia psicogena di massa per cui non c’è una spiegazione chiara. Colpisce prevalentemente le donne, inizia con una vittima e poi si diffonde velocemente a causa di uno stress estremo che viene condiviso in un gruppo affiatato (come quello delle studentesse).

Può causare svenimenti, vertigini, mal di testa oppure spasmi, tremori e paralisi degli arti nonché difficoltà di comunicazione.

Impostazioni privacy