Attacchi di panico: 6 regole da seguire e 3 errori da evitare secondo Raffaele Morelli

Per superare un attacco di panico, ci sono 6 consigli da seguire e 3 errori da evitare: così starai subito meglio!

Quando arriva un attacco di panico, non avvisa mica: con la sua forza prorompente neutralizza tutto il resto e rende la paura l’emozione primaria. Tutto si annebbia e perde significato proprio perché il terrore del momento catalizza su di sé l’attenzione e diventa poi davvero complicato riuscire a trovare una via di fuga.

Il respiro si fa corto e affannoso, non si riesce a parlare, gli occhi si spalancano come se ci fosse un mostro davanti a noi e la vita sembra fermarsi in quel momento che dura un’eternità. È come se il corpo si dissociasse dalla mente e cercare un punto di incontro tra di loro non è di certo impresa da poco.

Si può però intervenire su un attacco di panico? Assolutamente sì. Anzi, secondo lo psicoterapeuta e psichiatra Raffaele Morelli, ci sono 6 regole da seguire e 3 errori da evitare per gestire al meglio un momento così critico, intimo e vulnerabile ma che ormai riguarda sempre più persone.

Attacchi di panico: scopriamo insieme le contromisure più efficaci

È importante però ricordare un aspetto fondamentale: gli attacchi di panico passano sempre. Ciò che importa è lasciar fluire liberamente tutte le emozioni che si provano in quel determinato momento. Detto questo, scopriamo insieme tutti i consigli e gli errori!

CEDI

Non si deve né resistere né opporsi all’attacco di panico. Per quanto ti possa spaventare, in realtà è molto meglio che faccia il suo corso naturale, perché non si può evitare di vivere quel momento complicato. Abbandona quindi temporaneamente quel che stai facendo e limitati a percepire il disagio.

Come superare gli attacchi di panico
Limitati a sentire il disagio – Lineatemporale.it

PROTEGGITI

Se è stato un luogo o una situazione particolare o ancora un incontro ad aver causato l’attacco, cerca di allontanarti da tutto quello che ti suscita malessere. In caso tu non possa, prova comunque lo stesso a defilarti un po’.

METTITI COMODO

Cerca di rilassare il tuo corpo ovunque ti trovi mettendoti il più possibile comodo. Evita però di sdraiarti del tutto perché questa posizione può solo acuire l’intensità dell’attacco.

MASSAGGIA DOVE FA PIÙ MALE

Nel caso in cui senti un formicolio alle braccia o alle gambe, avverti un’oppressione al petto o il viso è particolarmente sudato e arrossato, la cosa migliore da fare è massaggiare la zona che fa male. Libera quella zona dal malessere e lascia che il panico abbandoni il tuo corpo.

CERCA FRESCURA

Di solito l’attacco di panico si accompagna a una sensazione di caldo asfissiante. Se sei all’aperto cerca ombra o una zona particolarmente ventilata, se sei a casa apri le finestre per far entrare un po’ d’aria.

CHIEDI AIUTO

Cerca qualcuno che ti possa stare vicino e se non c’è nessuno, concentrati sulle cose come un oggetto “positivo”, un rituale rassicurante o una distrazione che ti aiuti a portare la mente altrove.

Gli errori invece da evitare quando si vive un attacco di panico sono invece:

FINGERE

Non devi fingere di stare bene, è solo controproducente. In questo modo aumenterebbe solo il disagio, l’agitazione e la tachicardia.

SCAPPARE

Scappare non è mai una buona soluzione e questo perché potresti anche cadere e farti male. Resta dove sei e cerca piuttosto di defilarti, ma senza interferire con la paura del momento.

TIRARE IL RESPIRO

Quando si ha un attacco di panico, si ha l’impressione che manchi l’aria e quindi si comincia a inspirare quanto più possibile causando però un’alcalosi del sangue che accresce solo il panico. Limitati a respirare normalmente.

Impostazioni privacy